Una filiale è una società straniera che stabilisce la propria presenza in Tailandia. Le filiali sono autorizzate a svolgere attività commerciali e ad avere entrate in Tailandia. Secondo la legge tailandese, le filiali sono disciplinate dal Foreign Business Act B.E. 2542 (FBA). Sono quindi tenute a richiedere una Licenza di Commercio Estero. Nel caso in cui le attività svolte dalla filiale rientrino in una delle categorie, se l’attività è unica, non è in concorrenza con le imprese tailandesi, se implica rapporti tra i membri di una società affiliata, la possibilità di approvazione è più probabile. Poiché la filiale è considerata un’estensione della sua sede centrale, non ha azionisti o amministratori. Un responsabile della filiale deve essere nominato dalla società madre per guidare le operazioni in Tailandia.

Quindi, la società madre ha la responsabilità legale per i contratti e per gli atti illeciti compiuti. Ai fini fiscali, una filiale è soggetta all’imposta sul reddito delle società tailandesi. Questo alla normale aliquota del 30% sul reddito derivante dalle sue operazioni commerciali in Tailandia. È importante chiarire in anticipo, cosa costituisce il reddito soggetto all’imposta tailandese. Questo perché l’Agenzia delle Entrate può considerare assoggettate alle imposte tailandesi le entrate direttamente guadagnate dalla sede straniera, da fonti all’interno della Tailandia soggette alle imposte tailandesi. 

Il requisito di capitale versato è fissato a un minimo di 3 milioni di Baht. 

Elementi Principali della registrazione di una filiale

  • 100% di proprietà straniera
  • Restrizioni commerciali
  • Requisiti di capitale 3 milioni.
  • È richiesta una licenza commerciale estera
  • Sono necessari 3 milioni di THB di investimento per ogni attività commerciale che la filiale opererà in Tailandia.

Tempistica

  • 4 mesi

Procedimento

  • La domanda per registrare una filiale in Tailandia va presentata al Ministero del Commercio. Tutti i documenti devono essere autenticati e tradotti in tailandese.
  • Una copia dell’atto di notorietà della società o dei relativi documenti che presentino lo stato della persona giuridica insieme ai dettagli quali nome, capitale, obiettivi, indirizzo, elenco degli amministratori e firma legale.
  • Una lettera di nomina del Direttore di filiale in Tailandia (straniero o cittadino tailandese) rilasciata dal firmatario autorizzato della persona giuridica straniera per la nomina ad agente per condurre le operazioni della filiale in Tailandia per conto della persona giuridica.
  • Una copia del passaporto della persona designata come documento di identità se cittadino straniero o carta d’identità, nonché stato di famiglia (House registration/tabian baan) o certificato di residenza in Tailandia, o prova del permesso di entrata in Tailandia per un soggiorno temporaneo ai sensi delle leggi sull’immigrazione.

Filiale straniera in Tailandia: altri passaggi a cui essere pronti

 

Inoltre, servira’ una dichiarazione della persona giuridica straniera attestante che il richiedente. Ma non solo, anche i direttori, i dirigenti e la persona designata devono siddisfare le qualifiche. Inoltre non devono possedere caratteristiche vietate ai sensi della sezione 16 del Foreign Business Act, B.E. 2542 (1999).
Dovra’ essere chiarito l’indirizzo della sede legale con mappa indicante la posizione in Tailandia.
Sara’ necessaria una delega nel caso in cui un’altra persona sia stata autorizzata ad agire per conto dei richiedenti.
Insieme a questo, e’ richiesta una Conferma da parte della società madre della retribuzione e di altri compensi del responsabile delle operazioni in Tailandia. Cosi’ anche una revisione finanziaria annuale certificata della sede centrale degli ultimi tre anni.


Siate pronti anche per una dichiarazione che specifichi il tipo di attività, alla quale si associa la domanda di licenza:

  • Il tipo di attività per la quale viene presentata la domanda, comprese le fasi delle operazioni.
  • Una stima delle spese per quanto riguarda l’importo dei fondi che il richiedente spenderà in Tailandia. Sia per l’acquisizione di immobilizzazioni che per le spese operative dell’impresa. Questo per ogni anno, per un periodo di tre anni. Oppure, durante il periodo effettivo di attività commerciale. Quest’ultimo caso, se l’attività sia stata esercitata per meno di tre anni.
  • La dimensione delle operazioni.
  • La dimensione della forza lavoro in Tailandia impiegata dal richiedente.
  • Un piano per l’importazione di tecnologia straniera e il trasferimento di tecnologia.
  • Un piano di ricerca e sviluppo, con una spiegazione del piano di lavoro per la ricerca e sviluppo proposta.
  • Il periodo previsto di attività aziendale.
  • Il beneficio complessivo per l’economia che la Tailandia dovrebbe ricevere dall’operazione commerciale.
  • La fonte di reddito e le entrate stimate derivanti dal progetto della Filiale in Tailandia.

Nel caso siate interessati a registrare la vostra filiate straniera, LCS sara’ il vostro partner legale e commerciale ideale. Pronti a supportarvi in tutte le procedure e contrattualistica imprenditoriale.